| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  


Ricerche


Studi medici

Presidi sanitari

Emergenze sanitarie

Farmaci

Parafarmaci

Rimedi omeopatici

Prodotti veterinari

Aziende e ditte farmaceutiche

Rivenditori di prodotti per la salute

Farmacie

Info Salute


Automedicazione

Pronto soccorso:
Consigli utili


Farmaci:
Istruzioni per l'uso


Glossario

Diagnosi e cura


Analisi di laboratorio

Consultori

Irccs: pubblici e privati

Ospedali

SSN

Centri trapianto organi


 



INFORMAZIONI ORIENTATIVE DI "AUTOMEDICAZIONE"
Ricordarsi che la consultazione del Medico è doverosa


STIPSI (STITICHEZZA):


Definizioni, cause, epidemiologia
Benchè la si possa definire come l’associazione di un rallentamento del transito a livello colo-rettale con meno di tre evacuazioni a settimana - e quindi come compattezza eccessiva delle feci - , sul piano pratico la definizione di stitichezza è spesso legata a una percezione soggettiva del problema, con particolare riguardo al suo impatto sulla propria vita quotidiana.
La stipsi può essere considerata come problema non solo medico ma anche sociale: ne soffre cronicamente dal 5 al 10 per cento della popolazione adulta e il 20 per cento di quella anziana, e otto persone su dieci riferiscono la pregressa comparsa di tale disturbo in alcuni periodi della propria vita. Più colpito, inoltre, risulta il sesso femminile e nelle classi socio-economiche meno agiate.
La stitichezza può essere anche l’effetto indesiderato di numerosi farmaci quali antidepressivi, ansiolitici, antiacidi e sali di ferro impiegati per la cura di un’anemia.




Manifestazioni
E' fondamentale capire se nel contesto specifico la stipsi è da considerarsi un semplice sintomo isolato o una vera malattia. A tale scopo è utile verificare in primo luogo:
  • abitudini alimentari (una dieta troppo raffinata e quindi povera di scorie, per esempio, è molto frequente),
  • stile di vita (sedentarietà)
  • eventuali anomalie osservate nelle ultime settimane/mesi (diminuzione del peso, calo dell'appetito, febbre e così via). Un ulteriore aspetto da considerare è la presenza di altri sintomi associati alla stipsi, come ad esempio il riscontro di tensione e dolore alla defecazione.
    La forma più comune di stipsi è correlata a due elementi:
  • la scarsa assunzione di fibre (l'apporto consigliato in un adulto sano è di almeno 30 grammi al giorno, pari a un buon piatto di insalata), determinata per lo più dall'esigenza di pasti rapidi e dal ricorso a cibi precotti; la soluzione da proporre è quindi un'alimentazione ricca di cereali integrali, crusca, legumi, frutta fresca e verdura o l'assunzione degli opportuni preparati a base di fibre. E' importante però ricordare di incrementare gradualmente la dose di fibre (5 grammi a settimana) per evitare disturbi intestinali quali il meteorismo e la flatulenza eccessiva;
  • lo stato di ansia legato allo stress quotidiano, che impedisce tra l'altro il mantenimento di una sana regolarità della proprie abitudini: a prescindere dal fatto che l'intestino è anche una frequente sede di somatizzazione (la defecazione ha infatti anche un significato psichico di interazione con l'ambiente), l'attività peristaltica finisce per essere inibita dalla volontà dello stesso individuo, costretto a adeguarsi ai ritmi frenetici della società moderna.

    Provvedimenti e possibilità di prevenzione
    I lassativi sono i farmaci di gran lunga più utilizzati. Ma accanto ad essi tornano utili anche alcuni consigli:
  • Non reprimere lo stimolo della defecazione
  • Fissare un'ora prestabilita del giorno per la defecazione
  • Favorire il riflesso gastrocolico mattutino (cioè la naturale "attivazione" dell'attività intestinale) con una colazione abbondante o l'assunzione di un bicchiere d'acqua fresca
  • Assumere circa 2 litri di acqua al giorno
  • Praticare regolarmente attività fisica, che mantiene attivi tono muscolare e circolazione sanguigna
    Per quanto riguarda la prevenzione è utile aumentare l'apporto alimentare di fibre vegetali (crusca, frumento, mucillagini), la cui quantità ottimale è di 30 grammi al giorno contro i 12-15 normalmente assunti.

    Possibili complicanze
    A parte il disagio soggettivo, la stitichezza, soprattutto negli anziani, può innescare a sua volta numerosi disturbi:
  • formazione di fecalomi, cioè masse addominali palpabili, dovute all'accumulo di feci e tali, in certi casi, da favorire perfino episodi occlusivi
  • comparsa di emorroidi e conseguenti sanguinamenti, che a loro volta tendono a inibire il riflesso della defecazione, innescando così un circolo vizioso;
  • predisposizione al prolasso della mucosa anale e alla comparsa di sovrainfezioni locali.


    Nota: La redazione di Pagine sanitarie rammenta che le informazioni proposte hanno carattere nettamente divultativo ed orientativo e non possono, in alcun modo, sostituire la consulenza medica.



  • Link correlati:

     Aerofagia    Afte    Artralgia    Artrite    Cefalea (Mal di testa)    Dermatite    Diarrea    Digestione lenta    Disturbi del sonno

     Dolori mestruali e premestruali    Eczema    Eritema solare    Febbre    Ferite superficiali    Influenza    Insonnia

     Ipertensione (Pressione arteriosa)    Lacrimazione intensa    Mal di denti    Mal di schiena    Meteorismo    Nausea e vomito

     Orticaria    Otalgia (Mal d'orecchio)    Prurito    Punture d´insetti    Raffreddore    Scottature solari    Tosse    Vomito
      


    GUIDE UTILI

    Farmaci: Istruzioni per l'uso, Modalità, Conservazione

    Ticket Sanitari Regionali e/o Forme di Delisting

    Principi Attivi in ordine alfabetico

    Note Cuf sulla Prescrizione dei Farmaci Classe A per Patologia

    Analisi di laboratorio e loro significato

    Pronto soccorso: Consigli utili

    Glossario dei Termini Medici e Biomedici ricorrenti

    Legenda dei termini medici


    Torna all'indice di automedicazione                             


      HOME   CHI SIAMO   SITE MAP   FAQ   WEB TV   CONTATTI  PUBBLICITA' 



    I siti Web del network Pagine sanitarie on line


    paginesanitarie.com
    paginesanitarietv.com/net
    informatorefarmaceutico.it/com/net
    medcamp.it
    parafarmaci.it
    caseriposo.com

    paginesanitarieonline.it
    prontuariofarmaceutico.it
    informazionefarmaceutica.it
    esan.it
    rimediomeopatici.it
    clinichecasedicura.it

    paginegiallesalute.it
    prontuariofarmaci.it
    medicitaliani.net
    prodottisanitari.it
    farmacidabanco.it


     

     

     

     

     


     

     

     

     

     

     


    Euromedia srl
    Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
    è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
    Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
    Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
    Esan Reg. N.0000957914
    E' vietata la riproduzione anche parziale.

    http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

    © Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
    All rights reserved