Home   Azienda   Site map   Info archivi   Web TV   Contatti   Pubblicità 
Obiettivo Salute
Le informazioni al servizio della continuità assistenziale
Coordinamento del Prof. Giorgio De Simone

  »  Home

  »  Finalità
       del Progetto


  »  Coordinamento

  »  Archivio:
         Articoli
         Documentazione
         pubblicata



  »  Contatti


Imola - Contro i tumori il bisturi ad acqua
L’ingresso dell'omeopatia nel gruppo delle medicine tradizionali e ne raccomanda


CASTEL SAN PIETRO - Uno strumento rivoluzionario, capace di ridurre l’attività chirurgica per i casi di tumori al colon retto e di conseguenza le liste d’attesa per questo genere d’interventi, nonché i tempi di ricovero che, da una settimana, passeranno a una giornata. “Questo strumento - spiega il professor Caletti - ha nella radicalità e nella sicurezza del taglio i suoi più grandi vantaggi. Ci permetterà di curare endoscopicamente alcune patologie tumorali limitando così l’intervento chirurgico”.

L’innovativa apparecchiatura si basa sull’idea di tagliare con l’acqua. Un getto di soluzione fisiologica a elevata pressione, molto concentrato, penetra nei tessuti senza necessità di aghi: una tecnica già impiegata con ottimi risultati nella chirurgia tradizionale e ora disponibile anche in endoscopia digestiva. “Si esegue dapprima un sollevamento dei polipi - continua Caletti - iniettando un cuscino d’acqua sotto di essi. Successivamente, con lo stesso strumento, si possono tagliare e asportare completamente i polipi con un’incisione molto precisa. In questo modo l’asportazione endoscopica dei grossi polipi è completa e più sicura che in passato”.





Questo tipo di terapia, quando praticabile, è preferibile rispetto alla chirurgia tradizionale perché vi sono meno complicanze, nessuna mutilazione degli organi interni e minori costi. “Un risparmio che ricade positivamente sulla collettività - conclude Caletti - liberando risorse impiegabili per altri scopi sanitari”. Oltre all’elettrobisturi, la Fondazione del Monte ha donato all’Ausl di Imola un insufflatore di anidride carbonica che permette di svolgere l’esame endoscopico del colon retto con minor disagio per il paziente, in quanto questo gas viene riassorbito dal corpo umano 150 volte più velocemente dell’aria convenzionalmente utilizzata, riducendo al minimo indispensabile la distensione addominale e la relativa dolenzia.

www.romagnanoi.it

 Condividi