Home   Azienda   Site map   Info archivi   Web TV   Contatti   Pubblicità 


Obiettivo Salute
Le informazioni al servizio della continuità assistenziale
Coordinamento del Prof. Giorgio De Simone

  »  Home

  »  Finalità del Progetto

  »  Coordinamento

  »  Archivio:
         Articoli
         Documentazione pubblicata



  »  Contatti


Fibrillazione atriale



La fibrillazione atriale (FA) è una aritmia cardiaca (battito irregolare del cuore) caratterizzata da una completa irregolarità dell’attivazione elettrica degli atri, le due cavità superiori del cuore.
La fibrillazione atriale è la forma più diffusa tra le aritmie: colpisce secondo stime più di 5,8 milioni di americani e 6 milioni di europei. In Italia si stima che oltre 500.000 persone siano affette da tale patologia.
Normalmente ogni battito cardiaco prende il via da un gruppo di cellule nell’atrio destro che inviano ciclicamente impulsi elettrici a tutto il muscolo cardiaco (60-80 al minuto in condizioni di riposo), provocandone la contrazione.
Nel cuore in fibrillazione atriale gli impulsi sono inviati in maniera estremamente disordinata e caotica, questa è la ragione per cui il battito cardiaco diventa irregolare e il numero di contrazioni delle pareti cardiache è assolutamente variabile e pertanto inefficace per la corretta spinta del sangue.
La fibrillazione atriale più comune è quella non-valvolare, o NVAF (Non Valvular Atrial Fibrillation). Si stima che il rischio di sviluppare una fibrillazione atriale nel corso della vita sia di circa il 25% per gli individui oltre i 40 anni di età.
Le persone affette da fibrillazione atriale hanno un rischio 5 volte maggiore di essere colpiti da ictus rispetto alla popolazione generale e questo a causa dei coaguli di sangue che si formano per la patologia e che si depositano negli atri.
Di fatto sono attribuibili a fibrillazione atriale il 15% di tutti i casi di ictus e un quarto di quelli che colpiscono individui oltre gli 80 anni. Si stima che un individuo su 4 sia a rischio, dopo i 40 anni, di morire per fibrillazione atriale .
Gli ictus dovuti a fibrillazione atriale sono più gravi di quelli legati ad altre cause : il 24% dei pazienti muore entro il mese successivo , 1 paziente su 2 (50%) non sopravvive a un anno .
Negli Stati Uniti due terzi dei pazienti con fibrillazione atriale colpiti da ictus muoiono o esitano in deficit neurologici permanenti che richiedono assistenza a lungo termine

>>Fibrillazione atriale: Scheda tecnica



 Condividi



Pagine sanitarie on line - Il Network della Salute - aut. n. 36 Tribunale di Napoli
Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved