Home   Azienda   Site map   Info archivi   Web TV   Contatti   Pubblicità 
Obiettivo Salute
Le informazioni al servizio della continuità assistenziale
Coordinamento del Prof. Giorgio De Simone

  »  Home

  »  Finalità
       del Progetto


  »  Coordinamento

  »  Archivio:
         Articoli
         Documentazione
         pubblicata



  »  Contatti


TRAUMI AGLI OCCHI, CASCO E OCCHIALI PER PREVENIRLI OGNI ANNO SE NE REGISTRANO 40 MILA, IL 25% E' LEGATO A SPORT

Caschi e occhiali protettivi per evitare traumi agli occhi durante lo sport: sono i consigli di oftalmologi e medici dello sport del Policlinico Gemelli, che al tema hanno dedicato un recente seminario.
Ogni anno in Italia, e' stato ricordato, si verificano circa 40 mila casi di traumi oculari: il 25% sono correlati alla pratica sportiva. Il 30% dei danni oculari causati da questi traumi avvengono in ragazzi al di sotto dei 16 anni; il 9 casi su 10 questi danni sono prevenibili.






Gli sport considerati ad alto rischio per trauma oculare sono quelli che prevedono l'uso di palle, come calcio, basket e tennis, ma anche quelli di combattimento tra atleti, come boxe ed arti marziali.
Non sfuggono a questa casistica sport spesso ritenuti "sicuri" per la salute degli occhi, come il golf (per traumi da pallina e, soprattutto, da mazza), o la pesca (lesioni da amo).
Le discipline piu' a rischio - spiega Massimiliano Bianco, specialista del Centro di Medicina dello Sport del Policlinico Gemelli - sono "quelle in cui è previsto un contatto tra gli atleti (compagni di squadra o avversari) specie se questo è intenzionale (sport da combattimento) e lì dove vengono utilizzati attrezzi di gioco (mazze, palle, guanti, ecc.) che per forma, dimensioni, compattezza e velocità possano andare a ledere l'apparato oculare".
I traumi oculari, sottolinea Emilio Balestrazzi, direttore dell'Istituto di Oftalmologia dell'Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, "possono essere di tipo contusivo, penetrante, da radiazione o barotraumi.






La protezione oculare ha ridotto il numero e la severità dei danni agli occhi. Esistono infatti occhiali protettivi specifici per alcuni sport a rischio (baseball, basketball, hockey, alpinismo)".
Tra le piu' gravi complicanze oculari nei traumi sportivi c'e' il distacco di retina. Per prevenirla, spiega Andrea Stefano Scupola, dell'Unita' operativa di Chirurgia vitreo-retinica del Policlinico Gemelli, e' previsto "l'uso di lenti protettive negli sport in cui l'uso di occhiali e' possibile". Gli occhiali in policarbonato, che hanno un'alta capacità di assorbimento dei raggi UV, sono 8 volte più resistenti rispetto ad altri materiali. Gli occhiali "comuni" invece danno una protezione inadeguata: hanno solo il 4-5% di resistenza all'impatto rispetto a quelli in policarbonato.
La forma migliore di prevenzione dal distacco di retina e' comunque "una completa valutazione oculare alla ricerca dei fattori predisponenti".
Un'altra misura di prevenzione dai traumi oculari e' l'utilizzo di caschi realizzati in materiali resistenti agli urti allo scopo di preservare il capo da impatti improvvisi.


Ansa Salute



 Condividi