Home   Azienda   Site map   Info archivi   Web TV   Contatti   Pubblicità 
Obiettivo Salute
Le informazioni al servizio della continuità assistenziale
Coordinamento del Prof. Giorgio De Simone

  »  Home

  »  Finalità
       del Progetto


  »  Coordinamento

  »  Archivio:
         Articoli
         Documentazione
         pubblicata



  »  Contatti


RISCHIO DI PARTI PREMATURI DIPENDE DA DNA MAMMA



Washington - Il rischio di parti prematuri potrebbe essere genetico. Lo afferma una ricerca dell'Universita' di Aberdeen secondo cui se una donna e' nata prematura o ha fratelli o sorelle che hanno avuto questo problema ha il 50-60 per cento di probabilita' in piu' di dare alla luce un bambino troppo presto.
La ricerca, pubblicata da 'Obstetrics & Gynecology', e' basata sui registri di 22.343 mamme scozzesi, e secondo gli autori potrebbe aiutare a pianificare i parti nelle pazienti a rischio.






I dati utilizzati sono quelli dell'Aberdeen Maternity Neonatal Databank, una fonte molto utile perche' nella citta' scozzese la popolazione e' stabile e tende a partorire sempre nello stesso ospedale.






I ricercatori hanno trovato che la probabilita' per una donna nata prematura di avere un parto pretermine e' del 60 per cento piu' alta per la prima gravidanza e del 50 per cento maggiore per quelle successive. "Lo studio suggerisce un'origine genetica per i parti prematuri - ha affermato Sohinee Bhattacharya, autore della ricerca - ora dobbiamo trovare quali sono i geni coinvolti". -
AGI

 Condividi