| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  

Ricerche


Studi medici

Presidi sanitari

Emergenze sanitarie

Farmaci

Parafarmaci

Rimedi omeopatici

Prodotti veterinari

Aziende e ditte farmaceutiche

Rivenditori di prodotti per la salute

Farmacie

Info Salute


Automedicazione

Pronto soccorso:
Consigli utili


Farmaci:
Istruzioni per l'uso


Glossario

Diagnosi e cura


Analisi di laboratorio

Consultori

Irccs: pubblici e privati

Ospedali

SSN

Centri trapianto organi


 

 

 

Principio Attivo: ADRENALINA

 

›› Categoria: Vari

›› Meccanismo d'azione

L'adrenalina a livello fisiologico è sia un ormone (prodotto dalla midollare del surrene) che un neurotrasmettitore dalle caratteristiche vasocostrittive e stimolante cardiaco.
I suoi effetti sono dovuti all'azione agonista sui recettori alfa e beta adrenergici del sistema nervoso simpatico:
- sul cuore aumenta la frequenza, a forza di contrazione, la conducibilità e l'automaticità (può portare un cuore già affaticato ad aritmie).
- sui vasi sanguigni si ha vasocostrizione sui tessuti in cui sono presenti maggiori recettori alfa1 (cute, polmoni) e questo porta a pallore; si ha vasodilatazione dove invece sono presenti più recettori ß2 (muscoli, fegato). L'adrenalina iniettata non ha influenza sui vasi cerebrali perchè nno supera la barriera emato-encefalica.
- a livello dei bronchi, per l'azione sui recettori ß2, si ha broncodilatazione (non è tuttavia usata come antiasmatico in quanto ha eccessivi effetti sul cuore).
- sui muscoli lisci per azione sui recettori ß2 si ha rilassamento: questo porta a scarsa contrazione della muscolatura uterina (diminuisce la contrattilità uterina, ha cioè effetto tocolitico).
- sull'occhio per azione sui recettori alfa 1 si ha midriasi (dilatazione della pupilla).
- sulle ghiandole esocrine si ha un aumento delle secrezioni, quali aumento della sudorazione e della salivazione.
- sulle mastocellule del sistema immunitario si ha, per azione sui recettori ß2, inibizione del rilascio di istamina con effetto antiallergico e salvavita in caso di shock anafilattico (anche per l'azione broncodilatatoria).
- effetti sul metabolismo dei lipidi, per azione sui recettori ß2-ß3 delle cellule adipose, comportano un aumento della lipolisi.
- effetti sul metabolismop glucidico, per azione sui recettori ß2 cellulari, si ha stimolo della glicogenolisi e gluconeogenesi epatica, con effetto iperglicemizzante.

›› Caratteristiche e impieghi

L'adrenalina viene utilizzata assieme ad anestetici locali, in punture sottocutanee per indurre vasocostrizione e mantenere in sede l'effetto dell'anestetico e ridurre l'eventuale sanguinamento.
E' inoltre un farmaco salvavita in caso di shock anafilattico per la sua azione broncodilatatoria e antiallergica, somministrato tramite punture intraventricolari.

›› Farmacocinetica

Viene somministrata per sottocutanea o punture intraventricolari, la sua emivita plasmatica è breve (meno di un minuto) e nno supera la barriera emato-encefalica. Viene metabolizzata nel fegato dagli enzimi catecolmetil transferasi (COMT) e mono ammino ossidasi (MAO), quindi escreta con le urine.

›› Effetti collaterali e avvertenze

Gli effetti tossici dell'adrenalina sono, in caso di sovraddosaggi, palpitazioni, tremori, attacchi anginosi, aritmie fino alla fibrillazione ventricolare. Sul sistema nervoso ha solo effetti indiretti di riflesso alle palpitazioni, quali ansia e cefalee.
E' controindicata l'assunzione di adrenalina da parte di pazienti cha soffrono da molto tempo di asma, in quanto il cuore è già affaticato, o in casi di tachicardia o angina, che possono peggiorare. Non si deve assumere nemmeno in casi di ipertensione grave, tireotossicosi (ipertiroidismo) o di shock ipovolemico, in quanto l'organismo ha già il sistema nervoso simpatico iperattivo. L'adrenalina è da evitarsi anche in caso di feocromocitoma, un tumore del surrene che porta all'eccessiva produzione e rilasco di adrenalina e noradrenalina.

 





GUIDE UTILI

Farmaci: Istruzioni per l'uso, Modalità, Conservazione

Ticket Sanitari Regionali e/o Forme di Delisting

Note Cuf sulla Prescrizione dei Farmaci Classe A per Patologia

Analisi di laboratorio e loro significato

Automedicazione: Informazioni orientative

Pronto soccorso: Consigli utili

Glossario dei Termini Medici e Biomedici ricorrenti

Legenda dei termini tecnici adottati dal Servizio Sanitario



Torna all'elenco dei Principi attivi                                                         Torna alla Home



 

 

\

I siti Web del network Pagine sanitarie on line


paginesanitarie.com
paginesanitarietv.com/net
informatorefarmaceutico.it/com/net
medcamp.it
parafarmaci.it
caseriposo.com

paginesanitarieonline.it
prontuariofarmaceutico.it
informazionefarmaceutica.it
esan.it
rimediomeopatici.it
clinichecasedicura.it

paginegiallesalute.it
prontuariofarmaci.it
medicitaliani.net
prodottisanitari.it
farmacidabanco.it


 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved