| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari


Ricerche


Studi medici

Presidi sanitari

Emergenze sanitarie

Farmaci

Parafarmaci

Rimedi omeopatici

Prodotti veterinari

Aziende e ditte farmaceutiche

Rivenditori di prodotti per la salute

Farmacie

Info Salute


Automedicazione

Pronto soccorso:
Consigli utili


Farmaci:
Istruzioni per l'uso


Glossario

Diagnosi e cura


Analisi di laboratorio

Consultori

Irccs: pubblici e privati

Ospedali

SSN

Centri trapianto organi


 
Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci
A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z
METOPROLOLO EG 50CPR 100MG

  Foglietto illustrativo Monografia METOPROLOLO EG 50CPR 100MG



CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Beta bloccanti.


INDICAZIONI:
Ipertensione arteriosa ( ipertonia arteriosa ); Cardiopatia coronarica( angina pectoris ); Disturbi funzionali cardiovascolari ( sindromi cardiache ipercinetiche ); Forme rapide di aritmie cardiache ( aritmietachicardiche); Trattamento preventivo dell'emicrania; Trattamento acuto e di lunga durata durante e dopo l'infarto cardiaco.


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Il Metoprololo e' controindicato nei seguenti casi: Disturbi nella conduzione dell'eccitazione dagli atri ai ventricoli (blocco atrio ventricolare di 2° e 3° grado); Sindrome del nodo senoatriale (sindrome delnodo di Keith - Flack ); Disturbo nella conduzione dell'eccitazione tra il nodo senoatriale e gli atri (gravi blocchi senoatriali); Shock; Astenia miocardica (insufficienza cardiaca manifesta); Polso a riposo prima del trattamento inferiore a 50 pulsazioni al minuto (bradicardia); Pressione arteriosa eccessivamente bassa ( ipotonia ); Iperacidificazione del sangue ( acidosi ); Stadi tardivi di disturbi circolatori periferici; Tendenza agli spasmi bronchiali (ipereccitabilita' bronchiale); Somministrazione concomitante di sostanze inibitrici MAO (eccezione: sostanze inibitrici MAO-B); Ipersensibilita' ai componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico; Generalmente controindicato in gravidanza e durante l'allattamento.




POSOLOGIA:
Il dosaggio dovrebbe essere determinato individualmente, soprattutto sulla base delle pulsazioni o dellarisposta terapeutica, e non puo' essere modificato senza l'autorizzazione del medico. Salvo prescrizione diversa, valgono le seguenti indicazioni di dosaggio: Ipertensione arteriosa (ipertonia); 100 mg di Metoprololo tartrato al giorno in unica somministrazione (1 compressa 1 volta al giorno); Cardiopatia coronarica (angina pectoris); 100 mg di Metoprololo tartrato al giorno in unicasomministrazione (1 compressa 1 volta al giorno); Disturbi cardiovascolari funzionali (sindrome cardiaca ipercinetica); 100 mg di Metoprololo tartrato al giorno in unica somministrazione (1 compressa 1 volta al giorno); Forme accelerate di aritmie cardiache (aritmie tachicardiche); Trattamento terapeutico dell'emicrania: da 100 a 200 mg di Metoprololo tartrato al giorno in 1-2 somministrazioni (1 compressa 1-2 volteal giorno); Trattamento acuto e di lunga durata durante e dopo l'infarto cardiaco; a) Trattamento acuto: Nel caso di infarto cardiaco acutosi deve avviare entro il piu' breve tempo possibile, dopo il ricoveroospedaliero, il trattamento con 5 mg di Metoprololo i.v. sotto controllo continuo della situazione cardiocircolatoria (pressione arteriosa,polso, elettrocardiogramma). Nel caso di un'adeguata tollerabilita' vengono somministrate, a intervalli di 2 minuti, altre dosi singole da5 mg di Metoprololo tartrato, fino a raggiungere una dose complessivadi 15 mg. Se viene ben tollerata la dose completa di 15 mg di Metoprololo tartrato i.v., si somministrano (a partire da 15 minuti dopo l'ultima iniezione) ogni 6 ore da 25 a 50 mg di Metoprololo tartrato per via orale e per una durata di 48 ore. b) Dose di mantenimento (trattamento di lunga durata): Per la successiva terapia di mantenimento si somministrano da 100 a 200 mg di Metoprololo 100 EG in 1-2 dosi singole. La durata del trattamento deve essere stabilita individualmente dal medico. In base ai risultaticlinici di cui si dispone si suggerisce una durata minima del trattamento di 3 mesi; si consiglia dicontinuare il trattamento per un periodo compreso da 1 a 3 anni. Nel caso di funzionalita' epatica molto ridotta, il dosaggio dovrebbe essere individualmente ridotto.


INTERAZIONI:
Si deve tener conto delle seguenti interazioni tra il Metoprololo ed altre sostanze: Nel caso di un impiego concomitante di Metoprololo e insulina o di farmaci ipoglicemizzanti orali, l'azione di questi ultimipuo' essere accentuata; in questo caso si determina una dissimulazioneo attenuazione dei sintomi di una ridotta concentrazione glicemica (ipoglicemia), in modo particolare l'accelerazione cardiaca (tachicardia). Di conseguenza, si rendono necessari regolari controlli della glicemia. Il metoprololo puo' accentuare l'effetto di farmaci ipotensivi somministrati contemporaneamente (antiipertensivi). Si deve fare la massima attenzione nel caso del Prazosin. Nel caso di impiego concomitantedi nitroglicerina o calcio-antagonisti del tipo della nifedipina, sipuo' verificare un forte abbassamento della pressione arteriosa. Nel caso di impiego concomitante di calcioantagonisti del tipo verapamil odiltiazem, oppure di altri antiaritmici, e' opportuno sottoporre a unaccurato controllo il paziente in quanto possono verificarsi un abbassamento della pressione arteriosa (ipotonia), un rallentamento del polso (bradicardia), o altre aritmie cardiache. Durante il trattamento conil Metoprololo si dovrebbe, pertanto, evitare la somministrazione intravenosa di calcio-antagonisti o di altri antiaritmici. Nel caso di somministrazione concomitante con adrenalina o con altre sostanze ad azione simpatomimetica (per esempio contenute in farmaci contro la tosse,gocce per istillazione nasale e collirio a gocce), i bloccanti cardioselettivi dei beta-recettori in dosi terapeutiche provocano modeste reazioni ipertensive, in qualita' di bloccanti non selettivi e beta-recettori. Nel caso di impiego concomitante di Metoprololo e reserpina, alfa_metildopa, clonidina, guanfacina, oppure glicosidi cardiaci, si puo' verificare un forte abbassamento della frequenza cardiaca o un ritardo nella conduzione dell'eccitazione al cuore. Nel caso di un trattamento concomitante con la clonidina, la somministrazione della clonidinastessa puo' essere sospesa soltanto se alcuni giorni prima e' stata interrotta la somministrazione del Metoprololo. La rifampicina abbassala concentrazione di Metoprololo nel plasma, mentre la cimetidina loalza. L'indometacina puo' ridurre l'azione ipotensiva del Metoprololo.Il Metoprololo puo' ridurre l'eliminazione di altri farmaci (per esempio lidocaina). Gli effetti soporiferi del Metoprololo e dell'alcool si possono accentuare reciprocamente. Gli effetti debilitanti della potenza cardiaca del Metoprololo e di un anestetico possono sommarsi. Perquesto motivo l'anestesista dovrebbe essere informato circa il trattamento con il Metoprololo.


EFFETTI INDESIDERATI:
In particolare all'inizio del trattamento possono verificarsi occasionalmente disturbi nervosi centrali come stanchezza, vertigini, stati depressivi, stati confusionali, leggere cefalee, sudorazione, dispnea, accentuazione dell'attivita' onirica o allucinazioni. Questi fenomeni sono abitualmente lievi e passeggeri. Occasionalmente possono verificarsi disturbi gastrointestinali passeggeri, come malessere, vomito,dolori addominali, stipsi, o diarrea. Si puo' verificare occasionalmente una dispnea da sforzo e raramente un broncospasmo. Occasionalmente possono verificarsi formicolio e sensazione di freddo agli arti e, raramente anche debolezza muscolare o crampi muscolari. E' stata osservata un'accentuazione dei disturbi nei pazienti con claudicazione intermittente (claudicatio intermittens) o con crampi vasali nella regione delle dita dei piedi e delle mani (sindrome di Raynaud). Raramente si puo' osservare anche un accentuato abbassamento della pressione arteriosa, anche quando si passa dalla posizione orizzontale a quella verticale (ipotonia ortostatica), occasionalmente accompagnata da perdita dei sensi, riduzione della frequenza del polso, disturbi della conduzione atrioventricolare, accentuazione di un'astenia miocardica con edemi periferici (concentrazioni di liquido), dolori cardiaci e palpitazioni cardiache. Raramente possono verificarsi secchezza della bocca, congiuntivite e riduzione del flusso lacrimale (tale circostanza deve essere presain considerazione per i soggetti che portano lenti a contatto). In rari casi possono determinarsi disturbi della libido e della potenza, aumento di peso, sensibilita' alla luce, accompagnati da efflorescenze cutanee dopo l'azione della luce, nonche' caduta dei capelli, disturbivisivi, disturbi dell'udito o ronzii auricolari. Inoltre possono verificarsi reazioni da ipersensibilita' come, per esempio, prurito, arrossamento della pelle, efflorescenza cutanea (per esempio lesioni cutaneedistrofiche) e, in rari casi, alterazione dei valorifunzionali epatici, infiammazioni epatiche (epatiti), infiammazioni articolari (artriti), una distruzione dellepiastrine (trombocitopenia) o dei leucociti (leucopenia), un raffreddore allergico o un'induratio penisplastica (Peyronie's disease). Sono stati descritti un'accentuazione dei disturbi circolatori periferici gia' esistenti (fino alla cancrena), nonche' alterazioni della personalita' (come variabilita' dello stato emotivo, perdita temporanea della memoria). I bloccanti dei beta-recettori possono provocare in alcuni casi una psoriasi, aggravare i sintomi di questaaffezione o determinare l'insorgenza di esantemi psoriasiformi. In rari casi si puo' manifestare un diabete mellito non evidente (diabete mellito latente), oppure puo'peggiorare un diabete gia' esistente; possono essere dissimulati segni di bassi valori glicemici (per esempio polso veloce). I pazienti che assumono bloccanti dei beta-recettori, evidenziano una grave forma evolutiva di shock anafilattico. Il trattamento dell'ipertensione arteriosa con questi farmaci deve essere effettuato sotto il diretto controllo del medico. A causa delle differenti reazioni che si verificano a livello intellettuale puo' essere compromessa l'idoneita' a partecipare attivamente alla circolazione stradale oalla manovra di macchine. Questo vale in modo particolare all'inizio del trattamento e quando si cambia preparato, nonche' in combinazione con il consumo di alcool.

  • Per ulteriori informazioni su Principio attivo, PrescrivibilitÓ, Azienda produttrice,
    Tipo di ricetta, Forma farmaceutica, ATC, Glutine, Note cuf, Prezzo, clicca:


    SCHEDA TECNICA METOPROLOLO EG 50CPR 100MG


  • LINKS CORRELATI:


    Note Cuf      Ticket regionali      Principi attivi     Tipo ricetta     Tipo prodotto
    Area Farmaci      Area Parafarmaci      Area Veterinari      Area Omeopatici
    Torna alla Home



    I siti Web del network Pagine sanitarie on line


    paginesanitarie.com
    paginesanitarietv.com/net
    informatorefarmaceutico.it/com/net
    medcamp.it
    parafarmaci.it
    caseriposo.com

    paginesanitarieonline.it
    prontuariofarmaceutico.it
    informazionefarmaceutica.it
    esan.it
    rimediomeopatici.it
    clinichecasedicura.it

    paginegiallesalute.it
    prontuariofarmaci.it
    medicitaliani.net
    prodottisanitari.it
    farmacidabanco.it


     

     
     


     

     

     

     

     

     


    Euromedia srl
    Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
    Ŕ l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
    Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
    Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
    Esan Reg. N.0000957914
    E' vietata la riproduzione anche parziale.

    http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

    ę Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
    All rights reserved