| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  



Seguici su        Google+  

Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R  

S    T     U    V     W    X     Y    Z

TERBINAFINA DOC GEN CR 30G 1

  Foglietto illustrativo Monografia TERBINAFINA DOC GEN CR 30G 1



CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Altro antifungino per uso topico.


INDICAZIONI:
Micosi della cute causate da dermatofiti come Trichophyton (per esempio T. Rubrum, T. Mentagrophytes, T. Verrucosum, T. Violaceum), Microsporum canis e Epidermophyton floccosum. Infezioni da lieviti della cute,principalmente quelle causate dal genere Candida (per esempio Candidaalbicans). Pityriasis (tinea) versicolor, causata da Pityrosporum orbiculare (Malassezia furfur).


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Ipersensibilita' verso la terbinafina o uno qualsiasi degli eccipienti.




POSOLOGIA:
Adulti e adolescenti (>12 anni). Durata e frequenza del trattamento: tinea pedis: 1 volta al giorno per 1 settimana. Tinea cruris e tinea corporis: 1 volta al giorno per 1 settimana. Candidasi cutanea: 1 voltaal giorno per 1 o 2 settimana. Pityriasis versicolor: 1 o 2 volte al giorno per 2 settimane. Il prodotto puo' essere applicato 1 o 2 volte al giorno. La cute deve essere asciutta e pulita. La crema deve essereapplicata sulla pelle infettata e sull'area circostante in uno stratosottile e quindi delicatamente spalmata. In caso di infezione intertriginosa (sottomammaria, interdigitale, intergluteale o inguinale) la pelle deve essere coperta con una garza sterile dopo l'applicazione della crema, soprattutto durante la notte. Il miglioramento dei sintomi generalmente avviene entro pochi giorni. L'uso irregolare o una prematura interruzione aumentano il rischio di ricomparsa dei sintomi. Se nonsi osserva un miglioramento dopo 2 settimane, la diagnosi dovrebbe essere riconsiderata. Anziani: non vi sono dati che suggeriscano la necessita' di posologie diverse nei pazienti anziani o esperienza di effetti indesiderati differenti rispetto ai pazienti piu' giovani. Bambini:L'uso non e' raccomandato nei bambini al di sotto dei 12 anni a causadi insufficienti dati sulla sicurezza. L'esperienza dell'uso nei bambini e' limitata.


AVVERTENZE:
L'uso e' solo esterno. Il contatto con gli occhi deve essere evitato.In caso di contatto accidentale con gli occhi, risciacquare abbondantemente gli occhi con acqua corrente. Contiene alcool cetilico e alcoolcetostearilico. Potrebbe causare reazioni cutanee locali (per esempiodermatite da contatto).


INTERAZIONI:
Non sono stati effettuati studi di interazione.


EFFETTI INDESIDERATI:
All'interno di ciascun gruppo di frequenza, gli effetti indesiderati sono presentati in ordine di gravita' decrescente. Molto comuni (>1/10); comuni (>1/100, <1/10); non comuni (>1/1000, <1/100); rari (>1/10.000, <1/1000); molto rari (<1/10000), incluse segnalazioni isolate. Disturbi del sistema immunitario: rari: reazioni allergiche come prurito,eruzione cutanea, dermatite bollosa e orticaria. Patologie della cutee del tessuto sottocutaneo: rossore, eruzione cutanea e una sensazionedi prurito o di puntura possono verificarsi nel sito di applicazione.Queste reazioni, tuttavia, solo raramente comportano l'interruzione del trattamento. E' importante distinguere sintomi innocui di per se' da reazioni allergiche che potrebbero rendere necessaria l'interruzionedel trattamento.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:
Non c'e' esperienza clinica sull'uso nelle donne in gravidanza. Studidi fetossicita' e fertilita' condotti su animali non dimostrano lo sviluppo di eventi avversi. Non deve essere somministrata alle donne in gravidanza a meno che non sia chiaramente necessario. La terbinafina e'escreta nel latte materno. Dopo somministrazione topica, si prevede solo una bassa esposizione sistemica. Il farmaco non deve essere somministrata durante l'allattamento a meno che non sia chiaramente indicata.

Elenco Farmaci Schede tecniche 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R    

S    T     U    V     W    X     Y    Z


Ulteriori informazioni su:


Principio attivo:

Prescrivibilità

Tipo di ricetta

Forma farmaceutica

ATC

Glutine

Prezzo





  SCHEDA TECNICA TERBINAFINA DOC GEN CR 30G 1
L'INFORMAZIONE FARMACEUTICA


 Farmaci

 Parafarmaci

 Prodotti veterinari

 Rimedi omeopatici

 Ticket

 Note cuf


PER LA CURA DELLA SALUTE


 Studi medici

 Presidi sanitari

 Emergenze sanitarie

 Aziende produttrici

 Aziende Rivenditrici

 Farmacie


E' ANCHE UTILE SAPERE


 Automedicazione

 Pronto soccorso

 Farmaci:
Istruzioni per l'uso


 Glossario


CENTRI DI DIAGNOSI E CURA


 Analisi di laboratorio

 Consultori

 Irccs: Pubblici e Privati

 Ospedali

 Servizio Sanitario Nazionale

 Centri trapianto organi



 N.B.: Sono i Medici ed i Farmacisti gli unici professionisti abilitati a prescrivere ed a suggerire farmaci e cure


BACK HOME



La Salute sul Web
I grandi Portali d'informazione bio-medica e farmaceutica di Pagine sanitarie
  frecce


 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved