| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  



Seguici su        Google+  

Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R  

S    T     U    V     W    X     Y    Z

ALFUZOSINA TEVA 30CPR 10MG R.P

  Foglietto illustrativo Monografia ALFUZOSINA TEVA 30CPR 10MG R.P


DENOMINAZIONE:
ALFUZOSINA TEVA


CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antagonista dei recettori alfa-1 adrenergici.


PRINCIPI ATTIVI:
Cos'è il Principo attivo? info

Alfuzosina cloridrato.


ECCIPIENTI:
Vengono addizionati al principio attivo per vari motivi info

Lattosio monoidrato, ipromellosa (E464), povidone K25, magnesio stearato.


INDICAZIONI:
Quando e in quali casi è indicato l'uso di questo farmaco

Trattamento dei sintomi funzionali, di moderata e grave entita', dell'iperplasia prostatica benigna (BPH).


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Quando questo farmaco non deve essere assunto

Ipersensibilita' all'alfuzosina, ad altre chinazoline (per esempio, terazosina, doxazosina) o a uno qualsiasi degli eccipienti; patologie che determinano ipotensione ortostatica; insufficienza epatica.




POSOLOGIA:
Dosi, modi e tempi di assunzione di questo farmaco

Uso orale. La compressa a rilascio prolungato deve essere inghiottitaintera con una quantita' sufficiente di liquido (per esempio, un bicchiere di acqua). Le compresse non vanno frantumate, masticate, ne' divise. La prima dose andrebbe assunta prima di andare a letto. La compressa da 10 mg a rilascio prolungato va assunta ogni giorno immediatamente dopo lo stesso pasto. Adulti: 1 compressa da 10 mg al giorno. Anziani (oltre i 65 anni di eta'): come per gli adulti. I dati farmacocinetici e relativi alla sicurezza clinica dimostrano che nei pazienti anziani solitamente non si rende necessaria alcuna riduzione della dose. Insufficienza renale. Insufficienza renale da lieve a moderata (clearance della creatinina >30 ml/min): solitamente non e' necessaria alcuna riduzione della dose. Grave insufficienza renale (clearance della creatinina <30 ml/min): le compresse di alfuzosina da 10 mg a rilascio prolungato non devono essere prescritte ai pazienti con una funzionalita'renale gravemente compromessa poiche' non esistono dati relativi allasicurezza clinica per questo gruppo di pazienti. Insufficienza epatica. L'alfuzosina, sotto forma di compresse da 10 mg a rilascio prolungato, e' controindicata nei pazienti affetti da insufficienza epatica. Dopo una attenta valutazione medica, potrebbe risultare piu' appropriatauna preparazione contenente una dose inferiore di alfuzosina cloridrato. Per le istruzioni posologiche, fare riferimento alle informazionirelative al prodotto in questione. Non vi e' alcuna valida indicazioneper l'impiego del farmaco nei bambini.


CONSERVAZIONE:
Come conservare questo farmaco per non deteriorarne la composizione

Conservare il blister nella confezione originale, per tenerlo al riparo dalla luce. Conservare a temperatura inferiore a 30gradiC.


AVVERTENZE:
Cosa si deve sapere prima di assumere questo farmaco

Il paziente deve essere visitato prima di iniziare la terapia con l'alfuzosina, allo scopo di escludere la presenza di altre patologie che potrebbero provocare sintomi analoghi a quelli dell'iperplasia prostatica benigna. L'alfuzosina 10 mg non deve essere somministrata ai pazienti con una funzionalita' renale gravemente compromessa (clearance della creatinina <30 ml/min), poiche' non esistono dati relativi alla sicurezza clinica per questo gruppo di pazienti. L'impiego dell'alfuzosinae' sconsigliato nei pazienti trattati con altri agenti bloccanti delrecettore alfa-1, a causa di un potenziamento dell'effetto ipotensivoe del rischio di grave ipotensione ortostatica. L'alfuzosina deve essere prescritta con cautela ai pazienti trattati con farmaci anti-ipertensivi. La pressione arteriosa deve essere monitorata regolarmente, soprattutto all'inizio del trattamento. In alcuni pazienti puo' insorgereuna ipotensione posturale con o senza sintomi (capogiri, astenia, sudorazione) entro poche ore dall'assunzione. In tali casi, il paziente va fatto stendere fino alla totale scomparsa dei sintomi. Questi effetti indesiderati sono solitamente di natura transitoria. Si verificano all'inizio della terapia e normalmente non ne impediscono la prosecuzione. I pazienti devono essere avvertiti della possibile comparsa di questi effetti indesiderati. Occorre prestare attenzione quando si prescrive l'alfuzosina ai pazienti che hanno risposto con una marcata ipotensione ad altri bloccanti del recettore alfa-1. La terapia deve essereiniziata gradualmente nei pazienti che presentano una ipersensibilita'verso altri alfa-1 bloccanti. Come con tutti i bloccanti del recettore alfa-1, anche l'alfuzosina deve essere impiegata con cautela nei pazienti affetti da una grave insufficienza cardiaca. Nei pazienti affetti da problemi cardiaci, si deve proseguire la terapia per l'insufficienza coronarica, tenendo in considerazione il fatto che l'assunzione concomitante di nitrati e di alfuzosina potrebbe aumentare il rischio diipotensione. L'assunzione di alfuzosina deve essere interrotta in caso di recidiva o di peggioramento dell'angina pectoris. La sindrome intraoperatoria dell'iride a bandiera o dell'iride tremolante (Intraoperative Floppy Iris Syndrome, IFIS), una variante della sindrome della pupilla piccola, e' stata rilevata nel corso di interventi chirurgici dicataratta in alcuni pazienti che assumevano o avevano assunto tamsulosina. Sono stati segnalati casi analoghi anche con altri bloccanti delrecettore alfa-1 e non e' possibile escludere un effetto di classe ditali farmaci. Dato che la IFIS puo' portare a un aumento delle complicanze procedurali durante un intervento chirurgico di cataratta, l'assunzione attuale o pregressa di bloccanti del recettore alfa-1 deve essere comunicata al chirurgo oftalmico prima dell'intervento. Ai pazienti va raccomandato di assumere la compressa intera. Devono essere evitati altri metodi di assunzione; in particolare, le compresse non vannotriturate, ridotte in polvere o masticate. Una assunzione errata puo'provocare un rilascio e un assorbimento indesiderati della sostanza, con il rischio di effetti indesiderati precoci. Questo medicinale contiene lattosio monoidrato. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficienza di Lapp-lattasi o malassorbimentodi glucosio-galattosio non devono assumere il medicinale.


INTERAZIONI:
Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di questo farmaco info

Associazioni sconsigliate. Agenti bloccanti del recettore alfa-1: potenziamento dell'effetto ipotensivo, rischio di grave ipotensione ortostatica. Potenti inibitori del CYP3A4 (ketoconazolo, itraconazolo, ritonavir, claritromicina, eritromicina): aumento della concentrazione plasmatica dell'alfuzosina e aumento del rischio di effetti indesiderati.Associazioni da prendere in considerazione. Farmaci anti-ipertensivi:effetto anti-ipertensivo e rischio di potenziamento dell'ipotensione (effetto cumulativo). Preparazioni contenenti nitrati: la somministrazione di un anestetico a un paziente in terapia con l'alfuzosina puo' provocare una profonda ipotensione. Si raccomanda di interrompere l'assunzione delle compresse 24 ore prima di un intervento chirurgico.


EFFETTI INDESIDERATI:
Cos'è un effetto indesiderato info

Molto comuni (>=1/10), comuni (da >1/100 a <1/10), non comuni (da >1/1000 a <=1/100), rari (da >1/10.000 a <=1/1000), molto rari (<=1/10.000). Patologie del sistema nervoso. Comuni: capogiri/stanchezza, mal ditesta, vertigini. Non comuni: sonnolenza. Patologie dell'occhio. Non comuni: disturbi visivi. Patologie cardiache. Comuni. Ipotensione posturale (inizialmente, soprattutto con una dose troppo elevata o se la terapia viene ripresa dopo una breve interruzione). Non comuni. Tachicardia, palpitazioni, sincope (in particolare all'inizio della terapia).Molto rari. Aggravamento o recidiva dell'angina pectoris. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Non comuni. Rinite. Patologie gastrointestinali. Comuni. Nausea, dolori addominali, diarrea, secchezza delle fauci. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non comuni. Eruzioni cutaneee, prurito, orticaria. Molto rari. Edema angioneurotico. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Comuni. Astenia, malessere. Non comuni. Vampate, edema, dolori toracici.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:
In gravidanza e durante l'allattamento si raccomanda di informarsi sui rischi dell'uso del farmaco

A causa del tipo di indicazione, questo paragrafo non risulta applicabile.


  SCHEDA TECNICA ALFUZOSINA TEVA 30CPR 10MG R.P
Elenco Farmaci Schede tecniche 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R    

S    T     U    V     W    X     Y    Z

L'INFORMAZIONE FARMACEUTICA


 Farmaci

 Parafarmaci

 Prodotti veterinari

 Rimedi omeopatici

 Ticket

 Note cuf


PER LA CURA DELLA SALUTE


 Studi medici

 Presidi sanitari

 Emergenze sanitarie

 Aziende produttrici

 Aziende Rivenditrici

 Farmacie


E' ANCHE UTILE SAPERE


 Automedicazione

 Pronto soccorso

 Farmaci:
Istruzioni per l'uso


 Glossario


CENTRI DI DIAGNOSI E CURA


 Analisi di laboratorio

 Consultori

 Irccs: Pubblici e Privati

 Ospedali

 Servizio Sanitario Nazionale

 Centri trapianto organi



 N.B.: Sono i Medici ed i Farmacisti gli unici professionisti abilitati a prescrivere ed a suggerire farmaci e cure


BACK HOME



La Salute sul Web
I grandi Portali d'informazione bio-medica e farmaceutica di Pagine sanitarie
  frecce


 


 



 

 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved