| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  



Seguici su        Google+  

Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R  

S    T     U    V     W    X     Y    Z

AMIODARONE FAR 20CPR 200MG

  Foglietto illustrativo Monografia AMIODARONE FAR 20CPR 200MG



CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antiaritmici, classe I e III.


INDICAZIONI:
Quando e in quali casi è indicato l'uso di questo farmaco

Terapia e prevenzione di gravi disturbi del ritmo resistenti alle altre terapie specifiche: tachicardie sopraventricolari (parossistiche e non parossistiche), extrasistoli atriali, flutter e fibrillazione atriale. Tachicardie parossistiche sopraveotricolari reciprocanti come in corso di Sindrome di Wolff-Parkinson-White. Extrasistoli e tachicardieventricolari. Trattamento profilattico delle crisi di angina pectoris.


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Quando questo farmaco non deve essere assunto

Ipersensibilita' nota verso il prodotto o allo iodio. Bradicardia sinusale, blocco senoatriale; disturbi gravi della conduzione, non protetti da elettrostimolatore (blocco atrio-ventricolari gravi, blocchi bi-o trifascicolari); malattia sinusale non protetta da elettrostimolatore (rischio di arresto sinusale); associazione con farmaci in grado diindurre torsioni di punta (vedere "Interazioni"). Distiroidismi o antecedenti tiroidei. Nei casi dubbi (antecedenti incerti, anamnesi tiroidea familiare) effettuare un esame della funzionalita' tiroidea prima del trattamento. Gravidanza, a meno di casi eccezionali, a causa deglieffetti negativi del farmaco sulla tiroide del feto. Salvo casi eccezionali, a causa dei potenziali effetti negativi del farmaco sulla tiroide del feto, l'uso del farmaco in gravidanza e' da evitare, cosi' comedurante l'allattamento.




POSOLOGIA:
Dosi, modi e tempi di assunzione di questo farmaco

L'amiodarone ha peculiari caratteristiche farmacologiche (assorbimentoorale del 50%, estesa distribuzione tissutale, lenta eliminazione, ritardata risposta terapeutica per via orale) ampiamente variabili da individuo ad individuo; per questo la via di somministrazione, il dosaggio iniziale e quello di mantenimento debbono essere valutati caso percaso, adattandoli alla gravita' dell'affezione e alla risposta clinica. I dosaggi raccomandati sono: Trattamento dei disturbi del ritmo. Nelcaso di disturbi del ritmo pericolosi per la vita il trattamento puo'essere iniziato per via endovenosa, sotto stretto controllo cardiologico, alla dose standard di 5 mg/kg da somministrare in un intervallo di tempo compreso tra 20 minuti e due ore, possibilmente diluiti in 250ml di soluzione glucosata al 5%. Questa dose puo' essere ripetuta fino a raggiungere 1200 mg nelle 24 ore ad una velocita' di infusione regolata sulla base della risposta clinica. In casi di estrema urgenza sipossono somministrare 150-300 mg in 10-20 ml di glucosio al 5% per endovenosa lenta in 1-3 minuti. La durata dell'iniezione non deve in alcun caso essere inferiore a 3 minuti. Non aggiungere altri prodotti nella stessa siringa. La terapia per via orale deve essere iniziata il piu' precocemente possibile dopo aver ottenuto una soddisfacente risposta clinica. Nei casi in cui la terapia venga iniziata per via orale, ildosaggio consigliato e' di 600 mg al giorno fino ad ottenere una buona risposta terapeutica, in media entro 2 settimane. Successivamente ladose puo' essere gradualmente ridotta fino a stabilire la dose di mantenimento abitualmente compresa tra 100 e 400 mg al giorno. Quando siadifficile stabilire una soddisfacente dose giornaliera di mantenimento si puo' ricorrere ad una terapia discontinua (es. 2-3 settimane al mese o 5 giorni alla settimana). Trattamento profilattico delle crisi di angor. Attacco: 600 mg al giorno per circa 7 giorni. Mantenimento: 100 - 400 mg al giorno o in maniera discontinua (5 giorni a settimana o2-3 settimane al mese).


INTERAZIONI:
Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di questo farmaco info

L'amiodarone puo' interferire con alcune sostanze spesso utilizzate interapie cardiologiche concomitanti, rallentandone il metabolismo o rendendo piu' evidenti i loro effetti a carico dei cuore. Sotto tale aspetto meritano una speciale menzione quei farmaci o quelle condizioni (ipokaliemia, farmaci disperdenti potassio, antiaritmici della classe 1A e altri) che, concorrendo con l'amiodarone a prolungare l'intervallo QT, possono favorirne l'effetto proaritmico. Le seguenti associazioni possono pertanto essere considerate delle controindicazioni, a menoche non siano giudicate assolutamente necessarie da parte del medico.Altri antiaritmici. Questa associazione puo' essere impiegata solo neicasi di aritmie pericolose per la vita e non controllabili completamente con un solo antiaritmico. Si raccomanda in ogni caso uno stretto monitoraggio cardiologico ed un opportuno aggiustamento delle dosi tenendo presente che l'amiodarone aumenta i tassi plasmatici di alcuni farmaci antiaritmici come la chinidina, la procainamide, la disopiromidee la flecainide. Altri farmaci cardiovascolari. Beta-bloccanti e calcioantagonisti con effetto dromotropo negativo (diltiazem, verapamil) e/o con effetto sulla ripolarizzazione (bepridil). Farmaci che induconoipokaliemia. Es. alcuni diuretici e lassativi. Si tenga presente che l'ipokaliemia in genere puo' rendere inefficaci i farmaci antiaritmicio esaltarne le potenzialita' pro-aritmiche. Pertanto l'ipokaliemia deve sempre essere corretta prima di iniziare la terapia con amiodarone;l'associazione con farmaci che inducono ipokaliemia deve essere pertanto condotta sotto stretto controllo del livello ematico del potassio.Farmaci IMAO. Associazione controindicata. Poiche' in soggetti cardiopatici e' frequente e necessaria la concomitante somministrazione di digossina o di anticoagulanti orali, l'associazione con amiodarone e' consentita procedendo ad un aggiustamento posologico di tali farmaci, controllando frequentemente il tempo di protrombina e l'ECG (effetti sulla frequenza e sulla conduzione atrioventricolare).


EFFETTI INDESIDERATI:
Cos'è un effetto indesiderato info

Apparato respiratorio. Tosse e dispnea accompagnate da segni radiografici e funzionali di polmonite interstiziale (alterazione della diffusione alveolo-capillare), che richiede la sospensione della terapia e lasomministrazione di farmaci corticosteroidei. Apparato gastro-enterico. Nausea, vomito, anoressia, costipazione. Un moderato aumento delletransaminasi, generalmente isolato ed eccezionalmente associato ad ittero, e' stato riportato all' inizio del trattamento. La regressione e'costante alla sospensione del trattamento, ma spesso e' sufficiente una riduzione della posologia. Sono stati osservati alcuni casi di epatite cronica: l'istologia e' quella di una epatopatia pseudo-alcoolica.Dopo sospensione del trattamento i valori biologici rientrano nella norma in qualche mese. In qualche caso eccezionale l'evoluzione puo' essere irreversibile. Apparato cardiovascolare. L'amiodarone come altriantiaritmici puo' causare alterazione del ritmo cardiaco. Gli effettiosservati (disturbi del ritmo ventricolare, torsioni di punta, ecc.) dipendono spesso da interazioni medicamentose o sono legati all'esistenza di fattori di rischio preesistenti (ipokaliemia). Sono inoltre stati descritti bradicardia e alterazioni della conduzione seno-atriale eatrioventricolare. Il farmaco per via venosa puo' causare ipotensione,generalmente di grado moderato e transitorio. Casi di ipotensione grave o di collasso sono stati riportati in caso di sovradosaggio o di somministrazione troppo rapida (via i.v. diretta). Durante il trattamento con amiodarone l'ECG risulta modificato. Questa modificazione "cordaronica" si evidenzia con una morfologia particolare dell'onda T, che evidenzia l'allungamento della ripolarizzazione, e con l'eventuale comparsa di un'onda U. Tale modifica e' segno di attivita' terapeutica e non di tossicita' e non controindica il proseguimento della terapia. Tiroide. L'amiodarone puo' causare quadri di ipo e ipertiroidismo; piu'frequenti sono aumenti del T4 diminuzione del T3 con aumenti della reverse-T3,aumento del TSH in pazienti eutiroidei sul piano clinico. Occhio. Microdepositi corneali, di frequenza pressoche costante, quando l'impregnazione tissutale e' sufficiente. Abitualmente sono asintomaticie non controindicano il proseguimento della terapia. Eccezionalmentepossono accompagnarsi alla percezione di aloni colorati: tali sintomisono strettamente soggettivi e non sono collegati a danni della vista.Costituiti da depositi lipidici complessi, tali microdepositi corneali sono sempre reversibili dopo sospensione del trattamento. Sono statiosservati eccezionalmente alcuni casi di nevrite ottica con offuscamento della vista e diminuzione dell'acuita' visiva. Attualmente non e'stata ancora stabilita una relazione con la somministrazione del prodotto. In caso di insorgenza di questi sintomi si raccomanda un esame oftalmologico. Apparato neuropsichico. Astenia, tremori, vertigini, parestesia, cefalea, insonnia, neuropatie periferiche, turbe della sensibilita' e della motilita'. Cute e annessi. Eruzioni cutanee da fotosensibilizzazione. Melanodermia di colore ardesia delle parti scoperte, cheregredisce lentamente dopo sospensione del trattamento. Per via parenterale (vedi anche effetti cardiaci ed epatici): Reazioni locali: irritazione o flebite, questo effetto puo' essere evitato ponendo un catetere centrale. Sudore, nausea, vampate di calore (via i v diretta). Disturbi vari e che si riscontrano eccezionalmente (pochi casi isolati) sono stati descritti dopo somministrazione i.v. diretta shock anafilattico, ipertensione intracranica benigna, broncospasmo e/o apnea in casodi insufficienza respiratoria, soprattutto in pazienti asmatici. Glieffetti collaterali di minore gravita' sono spesso transitori e regrediscono con il passaggio alla dose di mantenimento. In caso di reazionipiu' gravi sara' necessario procedere ad una riduzione del dosaggio oalla sospensione della terapia.


  SCHEDA TECNICA AMIODARONE FAR 20CPR 200MG
Elenco Farmaci Schede tecniche 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R    

S    T     U    V     W    X     Y    Z

L'INFORMAZIONE FARMACEUTICA


 Farmaci

 Parafarmaci

 Prodotti veterinari

 Rimedi omeopatici

 Ticket

 Note cuf


PER LA CURA DELLA SALUTE


 Studi medici

 Presidi sanitari

 Emergenze sanitarie

 Aziende produttrici

 Aziende Rivenditrici

 Farmacie


E' ANCHE UTILE SAPERE


 Automedicazione

 Pronto soccorso

 Farmaci:
Istruzioni per l'uso


 Glossario


CENTRI DI DIAGNOSI E CURA


 Analisi di laboratorio

 Consultori

 Irccs: Pubblici e Privati

 Ospedali

 Servizio Sanitario Nazionale

 Centri trapianto organi



 N.B.: Sono i Medici ed i Farmacisti gli unici professionisti abilitati a prescrivere ed a suggerire farmaci e cure


BACK HOME



La Salute sul Web
I grandi Portali d'informazione bio-medica e farmaceutica di Pagine sanitarie
  frecce


 


 



 

 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved