| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  



Seguici su        Google+  

Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R  

S    T     U    V     W    X     Y    Z

ARIXTRA SC 10SIR 7,5MG 0,6ML

  Foglietto illustrativo Monografia ARIXTRA SC 10SIR 7,5MG 0,6ML



CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Agente antitrombotico.


INDICAZIONI:
Quando e in quali casi è indicato l'uso di questo farmaco

Trattamento della Trombosi venosa profonda (TVP) e dell'Embolia Polmonare (EP) acuta eccetto nei pazienti emodinamicamente instabili o che richiedono trombolisi o embolectomia polmonare.


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Quando questo farmaco non deve essere assunto

Ipersensibilita' nota al principio attivo fondaparinux o a uno qualsiasi degli eccipienti. Sanguinamenti in atto, clinicamente significativi. Endocardite batterica acuta. Grave insufficienza renale (clearance della creatinina < 30 ml/min).




POSOLOGIA:
Dosi, modi e tempi di assunzione di questo farmaco

La dose raccomandata e' 7,5 mg (per pazienti con peso corporeo >=50, <=100 kg) una volta al giorno somministrata tramite iniezione sottocutanea. Per i pazienti con peso corporeo < 50 kg si raccomandano 5 mg; per i pazienti con peso corporeo > 100 kg, invece, 10 mg. Il trattamentodeve essere continuato per almeno 5 giorni finche' non viene instaurata una adeguata anticoagulazione orale (INR compreso tra 2 e 3). Un trattamento anticoagulante orale concomitante deve essere iniziato appena possibile e di solito entro 72 ore. La durata media del trattamentonegli studi clinici e' stata di 7 giorni, e l'esperienza clinica per un trattamento superiore a 10 giorni e' limitata. Pazienti anziani: none' necessario nessun aggiustamento del dosaggio; nei pazienti di eta'>=75 anni fondaparinux deve essere usato con cautela, in quanto la funzione renale diminuisce con l'eta'. Deve essere usato con cautela neipazienti con insufficienza renale moderata. Non c'e' esperienza in sottopopolazioni di pazienti che abbiano sia un elevato peso corporeo (>100 kg.) che un'insufficienza renale moderata (clearance della creatinina 30-50 ml/min); dopo un'iniziale dose giornaliera di 10 mg, deve essere presa in considerazione una riduzione della dose giornaliera fino al 7,5 mg, sulla base di modelli farmacocinetici. Non deve essere usato in pazienti con insufficienza renale grave (clearance della creatinina < 30ml/min). Non e' necessario alcun aggiustamento della dose neipazienti con insufficienza epatica di grado lieve o moderato; nei pazienti gravi deve essere usata estrema cautela. L'uso di fondaparinux non e' raccomandato nei bambini al di sotto di 17 anni a causa della mancanza di dati sulla sicurezza ed efficacia. Il prodotto e' da somministrarsi tramite iniezione sottocutanea profonda, con il paziente in posizione supina. Il sito di iniezione si deve alternare tra il lato sinistro e destro anterolaterale e tra il lato sinistro e destro posterolaterale della parete addominale. Per evitare la perdita di medicinalequando si usa la siringa preriempita non espellere le bolle d'aria dalla siringa prima dell'iniezione. L'intera lunghezza dell'ago deve essere inserita perpendicolarmente in una plica cutanea tenuta tra pollicee indice; la plica cutanea deve essere mantenuta per tutta la duratadell'iniezione.


AVVERTENZE:
Cosa si deve sapere prima di assumere questo farmaco

E' destinato solo all'uso sottocutaneo. Da non somministrare per via intramuscolare. L'esperienza del trattamento con fondaparinux di pazienti emodinamicamente instabili e' limitata e non c'e' alcuna esperienzanei pazienti che richiedono trombolisi, embolectomia o inserimento difiltri cavali. Deve essere usato con cautela nei pazienti che hanno un aumentato rischio di emorragie, come quelli con disordini emorragicicongeniti o acquisiti, patologia gastrointestinale ulcerativa in faseattiva ed emorragia intracranica recente o poco dopo chirurgia cerebrale, spinale od oftalmica. Come per altri anticoagulanti, deve essereusato con cautela nei pazienti che sono stati sottoposti a recente intervento chirurgico (<3 giorni) e soltanto una volta ristabilita l'emostasi chirurgica. Sostanze che possono aumentare il rischio di emorragia non devono essere somministrate in concomitanza a fondaparinux ed esempio: desirudina, agenti fibrinolitici, antagonisti del recettore GPIIb/IIIa, eparina, eparinoidi o Eparine a Basso Peso Molecolare (EBPM). Altri farmaci antiaggreganti piastrinici (acido acetilsalicilico, dipiridamolo, sulfinpirazone, ticlopidina o clopidogrel) e FANS devono essere usati con cautela e se una loro contemporanea somministrazione e' essenziale, e' necessario uno stretto monitoraggio. Nei pazienti chericevono fondaparinux per il trattamento del TEV, anziche' per la profilassi, non deve essere usata l'anestesia spinale/epidurale in caso di intervento chirurgico. La popolazione anziana ha un aumentato rischio di sanguinamento. Dato che la funzione renale generalmente diminuisce con l'eta', i pazienti anziani possono mostrare una ridotta eliminazione e una aumentata esposizione a fondaparinux. L'esperienza clinicain pazienti con peso corporeo < 50 kg e' limitata. Il rischio di emorragia aumenta con l'aumentare dell'insufficienza renale. E' noto che fondaparinux viene escreto principalmente per via renale. L'incidenza diemorragie nei pazienti che hanno ricevuto i dosaggi raccomandati peril trattamento della TVP o EP con funzione renale normale, lieve insufficienza renale, moderata insufficienza renale e grave insufficienza renale sono state del 3,0%, 4,4%, 6,6% e 14,5% rispettivamente. Il medicinale e' controindicato nell'insufficienza renale grave (clearance della creatinina < 30ml/min) e deve essere usato con cautela nei pazienti con insufficienza renale moderata (clearance della creatinina 30-50ml/min). La durata del trattamento non deve superare quella studiata nel corso degli studi clinici (in media 7 giorni). Non c'e' esperienzain sottopopolazioni di pazienti che abbiano sia elevato peso corporeo(> 100 kg) che insufficienza renale moderata (clearance della creatinina 30-50 ml-min). In tali pazienti, dopo un'iniziale dose giornalieradi 10 mg, una riduzione della dose giornaliera fino a 7,5 mg puo' essere presa in considerazione sulla base di modelli farmacocinetici. L'uso di fondaparinux deve essere considerato con cautela a causa di un aumentato rischio di sanguinamento dovuto alla carenza dei fattori dellacoagulazione nei pazienti con insufficienza epatica grave. Deve essere utilizzato con cautela in pazienti con anamnesi di Trombocitopenia Indotta da Eparina (HIT). L'efficacia e la sicurezza del farmaco nei pazienti con HIT tipo II non sono state studiate in modo formale. Fondaparinux non si lega al fattore 4 della coagulazione e non ha reazione crociata con il plasma di pazienti con HIT di Tipo II. Non e' stata stabilita un'associazione causale tra il trattamento e l'insorgenza dellaHIT.


INTERAZIONI:
Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di questo farmaco info

La somministrazione concomitante di fondaparinux e di sostanze che possono accrescere il rischio di emorragia aumenta il rischio di sanguinamento. Gli anticoagulanti orali (warfarin) non hanno interagiscono conla farmacocinetica di fondaparinux; alla dose di 10 mg utilizzata negli studi di interazione quest'ultimo non ha influenzato il monitoraggio (INR) dell'attivita' anticoagulante di warfarin. Inibitori piastrinici (acido acetilsalicilico), FANS (piroxicam) e la digossina non hannointeragito con la farmacocinetica di fondaparinux. Alla dose di 10 mgutilizzata negli studi di interazione, fondaparinux non ha influenzato il tempo di sanguinamento durante il trattamento con acido acetilsalicilico o piroxicam, ne' la farmacocinetica della digossina allo steady state.


EFFETTI INDESIDERATI:
Cos'è un effetto indesiderato info

Molto comune: (>=1/10), comune (>=1/100 <1/10), non comune (>=1/1.000<1/100), raro (>=1/10.000 <1/1.000), molto raro (<1/10.000). Effetti indesiderati in pazienti trattati per TVP. Patologie del sistema emolinfopoietico Comuni: sanguinamento (gastrointestinale, ematuria, ematoma, epistassi, emottisi, emorragia utero-vaginale, emartrosi, oculare, porpora, lividi); non comuni: anemia, trombocitopenia; rari: altri sanguinamenti (epatico, retroperitoneale, intracranico/intracerebrale), trombocitemia. Disturbi del sistema immunitario. Rari: reazioni allergiche. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Rari: aumento dell'azoto non proteico (con azoto non proteico si intende urea, acido urico,aminoacidi, ecc). Patologie del sistema nervoso. Non comuni: cefalea;rari: capogiri. Patologie gastrointestinali. Non comuni: nausea, vomito. Patologie epatobiliari. Non comuni: alterazione della funzionalita' epatica. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Rari: rasheritematoso. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede disomministrazione. Non comuni: dolore, edema; rari: reazione al sito diiniezione.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:
In gravidanza e durante l'allattamento si raccomanda di informarsi sui rischi dell'uso del farmaco

Non sono disponibili dati clinici sull'esposizione in gravidanza, pertanto non deve essere prescritto durante la gravidanza, se non in casodi assoluta necessita'. Non e' noto se fondaparinux venga escreto nellatte umano. L'allattamento al seno non e' consigliato durante il trattamento in quanto l'assorbimento orale da parte del bambino e' comunque improbabile.


  SCHEDA TECNICA ARIXTRA SC 10SIR 7,5MG 0,6ML
Elenco Farmaci Schede tecniche 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R    

S    T     U    V     W    X     Y    Z

L'INFORMAZIONE FARMACEUTICA


 Farmaci

 Parafarmaci

 Prodotti veterinari

 Rimedi omeopatici

 Ticket

 Note cuf


PER LA CURA DELLA SALUTE


 Studi medici

 Presidi sanitari

 Emergenze sanitarie

 Aziende produttrici

 Aziende Rivenditrici

 Farmacie


E' ANCHE UTILE SAPERE


 Automedicazione

 Pronto soccorso

 Farmaci:
Istruzioni per l'uso


 Glossario


CENTRI DI DIAGNOSI E CURA


 Analisi di laboratorio

 Consultori

 Irccs: Pubblici e Privati

 Ospedali

 Servizio Sanitario Nazionale

 Centri trapianto organi



 N.B.: Sono i Medici ed i Farmacisti gli unici professionisti abilitati a prescrivere ed a suggerire farmaci e cure


BACK HOME



La Salute sul Web
I grandi Portali d'informazione bio-medica e farmaceutica di Pagine sanitarie
  frecce


 


 



 

 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved